Evacuatori di fumo e calore: porte aperte alla sicurezza

Gli evacuatori naturali di fumo e calore (ENFC) nascono come elementi installati sull’edificio, come elementi apribili in caso d’incendio per favorire l’uscita dei fumi e gas caldi prodotti durante lo sviluppo di un incendio.

Come elemento di protezione attiva, l’evacuatore di fumo e calore deve garantire l’efficacia in qualunque situazione ambientale. Ecco perchè vengono condotte prove di funzionamento a bassa temperatura, condizioni di vento avverso o apertura sottocarico. Elemento distintivo dell’evacuatore è la superficie aerodinamica o Aa che testimonia la capacità di un prodotto di estrarre i gas caldi in caso d’incendio.

Esistono due tipi di evacuatori:

  • Evacuatori da copertura (piana inclinata, shed)
  • Evacuatori da parete

 

Evacuatori da copertura

Gli evacuatori da copertura vengono normalmente utilizzati in campo edile per identificare quegli elementi installati sul tetto di un edificio, dove normalmente gli evacuatori da tetto possono essere installati con angoli da 0° a 90° (shed).

La presenza del vento può alterare l’efficienza dell’evacuatore, rendendo a volte sconsigliabile l’installazione in certe posizioni o di certi prodotti.

Evacuatori da parete

La necessità di installare in verticale gli evacuatori può nascere da 2 fattori:

  • Impossibilità di intervenire sulla copertura
  • Ottimizzazione di aperture presenti

Di certo è opportuno trattare questi impianti con particolare attenzione, evitando di progettare un sistema di evacuazione naturale di fumo e calore che sia influenzato negativamente dal vento.

 

Contattaci per scoprirne di più e progettare assieme un sistema personalizzato di evacuatori di fumo e calore.

Contattaci per maggiori informazioni

Contattaci
Manutenzione
Contattaci