Purtroppo nel 2017 i decessi sul lavoro salgono del 5,2%. (fonte INAIL). Probabilmente a causa della crisi economico/finanziaria, prevenzione e controlli subiscono una battuta d’arresto visti i costi e il tempo che la gestione di questi obblighi comportano.

Se il tempo è diventato un fattore primario per riuscire a stare a galla, i corsi vengono visti più come un costo che un investimento, perché nell’immediato non portano nulla e quindi vengono trascurati e posticipati.
L’imprenditore deve pensare al proprio business e farlo sviluppare il più possibile per essere sempre più competitivi e questo comporta tempo e concentrazione. L’organizzazione e la gestione di tutto ciò che non riguarda il business significa togliere tempo alle proprie attività e questo può comportare alla lunga stress e inefficienze. Si spera quindi non vi siano incidenti perché quando avvengono saranno sicuramente fonte di costi familiari, umani e monetari.

Quindi, cosa può fare l’imprenditore per ridurre questi infortuni?
Secondo noi l’imprenditore deve concentrarsi sul proprio business ed essere libero da pensieri e stress che il rispetto di tali normative e adempimenti portano con sé. Noi crediamo che esternalizzare questo compito sia la scelta giusta da fare, perché meno rischi significa più risultati. Inoltre, non dimentichiamo che esistono molti finanziamenti agevolati ai quali le aziende possono accedere per sostenere la formazione in sicurezza e quindi ridurre i rischi sul lavoro il più possibile. Quindi il servizio svolto da un professionista è garanzia di risparmio di tempo e costi per le aziende.

Scarica la brochure informativa QUI